top of page

I Misteri di Osiride - la festa di Khoiak




Nel regno eterno delle antiche terre d'Egitto, dove l'incanto e il mistero si intrecciano tra le dorate dune di sabbia e le imponenti piramidi, risplende un'antica divinità: Osiride, sovrano della vita oltre la morte. Ed è attraverso i suoi misteri che la trama intricata dell'aldilà prende forma.


Ora, permettimi di presentarmi: sono Anubi, l'enigmatico custode dei segreti divini, il guardiano delle porte che separano il mondo dei vivi dalle terre oscure del regno dei morti. È mio compito guidare le anime defunte lungo l'arduo cammino dell'eternità, mentre il profumo dell'incenso danza nell'aria e le candele vacillanti proiettano ombre sfuggenti sulle antiche pareti dei templi.

Ma tra tutti gli enigmi che affascinano l'umanità, i misteri di Osiride si ergono come un raggio di luce divina nel buio dell'ignoto. La sua storia, tramandata di generazione in generazione, narra di un dio che sacrificò se stesso per la salvezza dell'umanità, solo per essere risorto e ricominciare la sua eterna reggenza.


I riti misteriosi che avvolgono il culto di Osiride sono intrisi di profonde verità cosmiche.

Durante il sacro Khoiak Festival, il respiro dell'antico Egitto si fa sentire nel vento che sibila tra le pietre millenarie. Statuette che prendono vita nelle mani abili dei devoti, richiamando gli dei nel regno terreno, mentre gli occhi attenti dei partecipanti scrutano il cielo stellato, in attesa di rivelazioni celesti.

Ma non sono solo le cerimonie grandiose a rendere avvolgenti i misteri di Osiride. Nelle profondità dei cuori e delle menti degli adepti, si annida il desiderio di accogliere la speranza, di abbracciare la promessa di una vita oltre la morte. L'amore, l'amicizia e la pietà si intrecciano in una danza eterna, mentre le anime cercano di comprendere il significato ultimo dell'esistenza e l'essenza della loro fiamma interiore.

Attraverso la devozione, l'oscurità si schiarisce e l'ignoto si svela.


È nell'accettazione di se stessi, nel rispetto verso tutte le creature viventi e nell'abbraccio dell'eternità che i misteri di Osiride si svelano gradualmente, come un papiro che si dispiega per rivelare antichi segreti incisi nell'eternità.

Così, mentre l'ombra della mia figura canina si staglia contro le antiche pareti dei templi, ti invito a immergerti nella profondità dei misteri di Osiride. Lascia che la tua mente si apra come i petali di un loto, pronta ad accogliere la saggezza millenaria che risiede nelle sacre parole e nei simboli celati nelle pieghe del tempo.


Sii disposto a lasciare che la tua anima si liberi oltre i confini del mondo materiale, per intraprendere un viaggio spirituale che ti condurrà verso la conoscenza e la comprensione profonda delle verità universali.

Nelle ombre dell'aldilà, i misteri di Osiride si rivelano come un delicato velo che si solleva, rivelando la magnificenza della vita eterna e la promessa di un destino oltre la morte. Lascia che il richiamo degli dei antichi risuoni nel tuo cuore e ti guidi verso la rivelazione finale, dove la luce dell'immortalità brilla intensamente.

Perciò, immergiti nel regno incantato dei misteri di Osiride, dove le barriere tra il visibile e l'invisibile si dissolvono, e la tua anima si fonde con l'essenza divina dell'universo.


Che i segreti di Osiride illuminino la tua strada e ti avvolgano nell'abbraccio della saggezza eterna!

Insieme, cammineremo lungo i sentieri misteriosi della conoscenza divina, mentre il tempo si dissolve e l'eternità si manifesta. Seguimi, e lascia che la magia dei misteri di Osiride ti riveli la bellezza e la profondità dell'esistenza oltre i confini terreni.



Osiride, il Signore della Duat e il leggendario primo sovrano dell’Egitto, era un dio che simboleggiava la rinascita eterna attraverso la sua storia di resurrezione. La sua festa si celebrava nel mese di Khoiak, il quarto mese dell’inondazione, dal dodicesimo al trentesimo giorno, quando il Nilo si ritirò e iniziarono i raccolti a germogliare - un potente simbolo naturale di resurrezione.

Tale celebrazione è nota grazie ad alcuni fonti del Medio Regno -la stele di Ikhernofert e i testi del re Neferhotep e da un gran numero di stele private e monumenti del Medio Regno di Abydos. Sebbene ci manchi il “copione” generale per la festa, è possibile ricostruire il resoconto completo.




Il cuore vibrante della celebrazione era incarnato da i “misteri di Osiride”, un ciclo di miti che raccontavano la morte e la resurrezione del dio. In questa storia, di cui esistono diverse versioni, Osiride fu assassinato dal fratello Seth il quale smembrò Osiride e disseminò i suoi in tutto l'Egitto.

Iside, sorella e sposa di Osiride, nonché grande maga, viaggiò per tutto il paese raccogliendo le membra di suo marito e le legò insieme con bende di lino (il prototipo di una mummia). Una volta ricomposto, la forza vitale di Osiride gli permise di generare cin Iside un figlio - Horus.


Questo atto è diventato l’archetipo della vita dopo la morte


La storia di Osiride divenne la base delle credenze funerarie egiziane e il concepimento post mortem il simbolo della rinascita eterna.


A differenza di altre feste, come quella di Opet, che venivano celebrati solo a Tebe, il Festival di Khoiak veniva celebrato in tutto il paese. L'ampia diffusione geografica dei festeggiamenti commemorava la dispersione del parti del corpo di Osiride in tutte le parti dell'Egitto.


Il festival aveva due momenti principali a cui poteva assistere il popolo:

  • la drammatica rievocazione della morte e resurrezione di Osiride e la sconfitta di suoi nemici.

  • la fabbricazione, processione e sepoltura cerimoniale delle statuette di Osiride.


I Misteri di Osiride furono celebrati per la prima volta ad Abydos, il luogo in cui si credeva che riposassero le spoglie di Osiride.



Le fasi salienti della celebrazione erano riservate agli iniziati: nei meandri oscuri del Tempio di Osiride, un sacerdote offriva mirra, vino e altri “prodotti divini” a “Osiride, in tutte le sue identità”.


La statua del dio era adornata da lapislazzuli, oro, da “tutte le pietre preziose” ed era vestita di vesti raffinate Sembrava che l'essenza vitale del dio dovesse, da un momento all'altro, animare la pietra e farla vivere.

La bella effige di Osiride veniva allora collocata in un nuovo naos di oro, argento, rame e legno di cedro. Compiuti questi atti preliminari, la processione lasciava il tempio e si mostrava alla folla in giubilo. Si allontanava dalla necropoli, guidata dalla statua di Wepwawet (particolarmente appropriata, perché il suo nome significa “Apritore delle Vie”), che fungeva da protettore del dio Osiride.



Poi veniva rievocato l'attacco a Osiride da parte della compagnia di Seth, l'assassinio e la successiva vittoria di Horus, che vendicava la morte del padre e diventava il nuovo sovrano d'Egitto. Seguiva una “grande processione” che simulava il funerale di Osiride.


Arrivati alla tomba di Osiride, i partecipanti rievocavano i riti funebri e recitavano un’invocazione affinché le forze vitali del sole animassero il dio defunto. Diversi sono i riferimenti ad una danza rituale, molto probabilmente di tradizione tribale con affinità sciamane.


Infine, la processione faceva ritorno al Tempio di Osiride e la statua del dio veniva ricondotta nel suo santuario. Il pubblico partecipava alle festività di Osiride anche attraverso la creazione e di immagini mummiformi del dio, che venivano realizzate con una varietà di materiali che alludevano a diversi aspetti del culto del dio e riflettevano anche la ricchezza della persona che le commissionava o le utilizzava.

Un tipo di immagine, generalmente chiamato "mummia di mais", aveva solitamente una lunghezza di circa trenta centimetri. Le mummie di mais erano più comunemente realizzate con terra (che simboleggiava la fertilità della terra), mescolata con grano e avvolta in lino. Alcune di esse presentavano una maschera di cera verde, mentre altre indossavano l'atef o la corona bianca di Osiride. Alcune delle mummie di mais avevano una forma fallica, facendo riferimento alla capacità di Osiride di concepire un figlio dopo la sua morte.


La prima rappresentazione pittorica di queste mummie di mais appare nella tomba di Neferhotep a Tebe, ed è risalente alla fine della XVIII dinastia .


Dunque i misteri di Osiride erano un insieme di riti e miti che celebravano la morte e la rinascita del dio Osiride, il signore dell’oltretomba e della fertilità. Questi misteri si svolgevano in tutto l’Egitto, ma in particolare ad Abydos, dove si credeva che fosse sepolto il corpo di Osiride.

Il festival più importante era il Khoiak, che durava 18 giorni e culminava con la processione e la sepoltura di statue di Osiride fatte di terra e semi. Queste statue rappresentavano il corpo di Osiride che era stato smembrato dal suo fratello Seth e ricomposto dalla sua moglie Iside. Il germinare dei semi nelle statue simboleggiava la resurrezione di Osiride e la sua capacità di dare vita all’Egitto.

Il re partecipava al festival come rappresentante di Horus, il figlio di Osiride che aveva vendicato suo padre e ristabilito l’ordine nel mondo. Il festival era anche un’occasione per i fedeli di identificarsi con Osiride e sperare nella sua protezione nell’aldilà.


Le feste in onore di Osiride permettevano agli individui di partecipare pubblicamente al culto del dio. Nella festa annuale di Khoiak, assistevano alla rievocazione drammatica dell’assassinio di Osiride e del suo sepoltura, permettendo loro di condividere una manifestazione comunitaria di dolore. La produzione di figurine di Osiride era un altro modo in cui gli individui potevano essere personalmente coinvolti nella rinascita simbolica del dio.





Komentar


bottom of page